0 In Calici erranti/ Da bere/ My Milano

Degustazione itinerante in via Eustachi a Milano: 3 bar à vin da scoprire

via Eustachi Sapori Solari © oltreilbalcone

Dinamica, frizzante, allegra. Milano è fatta così. E se c’è una strada che ben la rappresenta, è la briosa via Eustachi (e i suoi dintorni), nel quartiere di Porta Venezia, uno dei cuori pulsanti della città. In questo post vi suggerisco 3 locali della zona, alcuni storici altri più recenti, dove sorseggiare un buon bicchiere di vino (ma anche un cocktail, se preferite). Con gli anni, via Eustachi – che un tempo era un’area prevalentemente residenziale – si è arricchita di bar e ristoranti, diventando una piacevole alternativa, meno caotica, ad altri quartieri meneghini dove imperversa la movida, come i Navigli o Isola. Perché se c’è una cosa bella di Milano è questa: la città cambia forma e non smette mai di stupire.

Scoprire via Eustachi a Milano

Via Eustachi si trova nel quartiere di Porta Venezia, tra viale Abruzzi e via Morgagni, a pochi passi da corso Buenos Aires e da Città Studi. Per arrivare sin qui con i mezzi pubblici, prendete la metropolitana e scendete alla fermata di Lima o a quella di Porta Venezia, entrambe sulla linea Rossa.

La via prende il nome da Bartolomeo Eustachi, anche conosciuto come Eustachio, importante anatomista italiano del 1500 (la ‘Tromba di Eustachio’, che collega l’orecchio alla faringe, prende il nome da lui).

Vi consiglio di venire in questa zona all’ora dell’aperitivo, in tarda mattinata o al tramonto. Nello specifico, via Eustachi è costellata di maestosi alberi, sotto i quali fioriscono i tavolini all’aperto di enoteche, bar e ristoranti. Questo coriandolo di città ha un animo profondamente milanese: è vivace, ma lontano dalla frenesia di altri quartieri. Inoltre, qui sopravvivono ancora attività storiche come l’antica ferramenta o la drogheria De Ponti, in attività dal 1934.

In questa piacevole cornice, vi suggerisco 3 locali dove sedervi, proponendovi per ognuno un buon calice di vino da sorseggiare. In questa occasione vi propongo 3 etichette biologiche – le cui cantine fanno parte della Federazione Italiana Giovani Vignaioli Indipendenti FIVI dell’Oltrepò Pavese. Rimarremo quindi in Lombardia, ma sappiate che in tutte le enoteche segnalate di seguito la carta dei vini spazia tra tutte (o quasi) le regioni italiane.

Il Progetto Eustachi Ora

Che via Eustachi sia in fermento lo dimostra anche l’intelligente progetto Eustachi Ora, a cura di Anam Communication. Partendo da un’idea di condivisione, l’iniziativa raggruppa locali storici, ma anche nuove realtà, ognuno con le proprie specificità, uniti dall’alta qualità dei prodotti proposti e da un fil rouge enologico.

Nato nel 2018, Eustachi Ora è un vero e proprio distretto del vino, a misura del cittadino e del turista, che si propone di sviluppare una rete capace di facilitare nuovi scambi e relazioni. Al suo interno raggruppa 5 locali della zona – i tre che vi segnalo di seguito fanno parte di questo circuito – e propone un calendario di appuntamenti (lo trovate in coda all’articolo).

Ogni mese, potete partecipare ad un itinerario di degustazioni, aperto a tutti e ad un prezzo democratico, alla scoperta non solo delle enoteche di via Eustachi e dintorni, ma anche delle cantine del territorio italiano. Per viaggiare tra le regioni dello stivale, rimanendo comodamente seduti a Milano e per conoscere meglio un quartiere. Anche per me, che vivo in città da quando sono nata, è stata una piacevole rivelazione.

1. Polpetta D.O.C.

Più che un’enoteca, un’istituzione. Attiva da oltre 20 anni, dietro al banco trovate Marcello Rossi. Prima di lui c’era il babbo, Giordano, che tempo fa gestiva un ristorante specializzato in polpette. Quando aprì il bar à vin, gli afficionados cominciarono a dire ‘ci vediamo davanti al Polpetta’. E così sulla vetrina comparve l’insegna, presente tuttora: i clienti, in fondo, hanno sempre ragione.

Da Marcello si respira un’atmosfera molleggiata da bar di paese (così preziosa a Milano), il servizio è amichevole, la carta dei vini fornitissima e la specialità – neanche a dirlo – sono i mondeghili, tradizionali polpette di carne della cucina milanese, fritte rigorosamente nel burro.

Il dehors dell'enoteca Polpetta D.O.C. in via Eustachi a Milano. © oltreilbalcone
Il dehors dell’enoteca Polpetta D.O.C. in via Eustachi a Milano. © oltreilbalcone

Internamente Polpetta D.O.C. ha un arredamento caratteristico, che strizza l’occhio al passato, con poster vintage e foto storiche. Veniteci all’ora dell’aperitivo, per assaporare il suo piacevole clima godereccio, consapevoli che se volete potete fermarvi anche per un pasto caldo, ordinando zuppa di cipolle o polenta con raclette (sì, ci sono anche opzioni per noi vegetariani).

Calice suggerito: metodo classico di Piccolo Bacco dei Quaroni

Per onestà intellettuale, premetto che sono una fan delle bollicine (e mi riferisco alla méthode champenoise). PBQ, questo il nome della bottiglia, è un metodo classico nature (senza zuccheri aggiunti dopo la presa di spuma), 100 % Pinot Noir, che rimane 36 mesi sui lieviti e viene rifermentato con il mosto dell’anno successivo.

La cantina Piccolo Bacco dei Quaroni, a conduzione familiare, lavora in agricoltura biologica su 10 ettari di terreno. Il mio consiglio è sempre di andare a trovare i produttori con una bella gita fuori porta, qui particolarmente vicina a Milano (li trovate a Costa Montefedele, in provincia di Pavia). E in questo caso avete una ragione in più: la cantina vanta anche un buon agriturismo dove mangiare.

Il metodo classico della cantina Piccolo Bacco dei Quaroni, da Polpetta D.O.C.
Il metodo classico della cantina Piccolo Bacco dei Quaroni, da Polpetta D.O.C. © oltreilbalcone

2. Bubu Fiaschetteria Toscana

Dall’insegna è facile intuire che il proprietario non è certo lombardo: Matteo Buonaiuti – per gli amici Bubu – è originario di Firenze. La sua provenienza si palesa nei gustosi piatti proposti per pranzo, dal lampredotto, alla pappa al pomodoro, dalla trippa toscana alla panzanella.

La lista dei vini copre invece tutta Italia. Il locale è accogliente, con un piacevole dehors sulla via alberata e il padrone di casa è cortese e simpatico. Oltre a lui, a darvi il benvenuto c’è Bitto, simpatico cagnolino che fa gli onori di casa.

Da Bubu in via Eustachi a Milano. © oltreilbalcone
Da Bubu in via Eustachi a Milano. © oltreilbalcone

Calice suggerito: Riesling di San Michele ai Pianoni

Prodotto da un blend di uve Riesling e Renano, Zolle Bianche è una bottiglia dal sapore minerale, ideale per l’aperitivo, che fa una breve macerazione a freddo e fermenta in recipienti in acciaio inox (niente legno, quindi).

La cantina San Michele ai Pianoni sorge sull’appennino ligure-lombardo, in Oltrepò Pavese. In certificazione biologica, le vigne si rincorrono su un piccolo altopiano e la vendemmia è manuale. Da provare anche il Pinot Noir, cavallo di battaglia dell’azienda.

Il Riesling di San Michele ai Pianoni, da Bubu a Milano. © oltreilbalcone
Il Riesling di San Michele ai Pianoni, da Bubu a Milano. © oltreilbalcone

3. Sapori Solari

In via Stoppani, Sapori Solari pone l’accento sull’importanza delle materie prime e sulla costante ricerca di prodotti artigianali: sono 40 i Presidi Slow Food coinvolti, tra formaggi di ogni maturazione, salumi e insaccati tipici. I soci del progetto sono 5, tutti intorno ai 30 anni e vantano anche altre due sedi in città, in viale Bligny 42, vicino al’Università Bocconi e in via Anguissola 54, zona Bande Nere.

Il risultato è un bistrot eclettico, dall’arredamento raffinato e moderno, che unisce un’intrigante selezione di cantine, piattini sfiziosi per l’aperitivo (gustosa la bruschetta veggie con cavolo cappuccio, zucchine e stracciatella!) e, se volete un’alternativa al vino, buoni cocktail.

Dietro al bancone c’è Juan, bartender navigato di origine cilena, che shakera con sapienza e crea drink originali. Se volete andare sul classico, ordinate un gin tonic: potete optare tra 64 tipi di gin, di cui 30 made in Italy.

Il bancone di Sapori Solari in via Stoppani a Milano. © oltreilbalcone
Il bancone di Sapori Solari in via Stoppani a Milano. © oltreilbalcone

Calice suggerito: Barbera di Buscaglia

La bottiglia Sass, dell’azienda Buscaglia, è una Barbera 2017, speziata, avvolgente e mai scontata. Ha un’acidità spiccata, un piacevole equilibrio di tannini e, in bocca, si assaporano le note di cioccolato e frutti rossi. Fa un affinamento in acciaio e poi in botte.

La Barbera di Buscaglia da Sapori Solari a Milano. © oltreilbalcone
La Barbera di Buscaglia da Sapori Solari a Milano. © oltreilbalcone

La cantina Buscaglia conta 14 ettari e sorge nel comune di Rovescala, in provincia di Pavia, al confine con Piacenza. Il terreno è scosceso, in parte argilloso e in parte calcareo. La selezione clonale dei vigneti ha lo scopo di ampliare il patrimonio genetico e culturale della zona.

Oltre alla Barbera, potete gustare anche Bonarda, Pinot Noir e Cabernet Sauvignon, oltre a Syrah e Croatina. Alcuni vini fanno affinamento nel Clayver, botti di grès porcellanato, che hanno il vantaggio di non essere invadenti: sono ideali per i lunghi invecchiamenti, durante i quali non cedono aromi.

DRITTE TAKE AWAY

Bar à vin nella zona di via Eustachi a Milano
§ Polpetta D.O.C, via Eustachi 8 – Milano
§ Bubu Fiaschetteria Toscana, via Eustachi 16 – Milano
§ Sapori Solari, via Stoppani 11 – Milano

Le prossime degustazioni itineranti di Eustachi Ora
§ Dal 9 al 14 novembre 2020
§ Dall’1 al 6 dicembre 2020
§ Dal 15 al 21 febbraio 2021
§ Dall’8 al 14 marzo 2021
§ Dal 12 al 18 aprile 2021, in occasione della Milano Design Week
§ Dal 10 al 16 maggio 2021
§ Dal 7 al 13 giugno 2021
§ Dal 5 all’11 luglio 2021
Per info e prenotazioni: info@anamcommunication.it

SCOPRI ANCHE…
Milano e la dolce vita dell’aperitivo in pasticceria (leggi l’articolo)
Il brunch di Spica a Milano per viaggiare a tavola (leggi l’articolo)

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Continuando la navigazione su questo sito autorizzi l'uso di cookies. Maggiori informazioni

I cookies di Oltreilbalcone vengono attivati in modo da permetterti di avere la miglior esperienza possibile su questo sito. Se prosegui a visitare Oltreilbalcone senza cambiare le tue preferenze o cliccando "Accetto" qui sotto, ne autorizzi l'utilizzo.

Chiudi