0 In Da bere/ Da mangiare/ My Milano/ Vegetariano

Il brunch di Spica a Milano per viaggiare a tavola

Una sala interna di Spica, a Milano, dove vi consiglio di fare un brunch. © oltreilbalcone

Metti un brunch, cosmopolita e variopinto, a Milano. Vi suggerisco un indirizzo sfizioso, che permette di fare il giro del mondo, rimanendo seduti a tavola. Per una domenica senza frontiere, in un ambiente accogliente, con un piacevole dehors e con un conto democratico. E se la cucina – condotta dalle chef Ritu Dalmia e Viviana Varese – è un viaggio tra i sapori, i colori e i profumi del globo; l’idea di abbinare i cocktail ai piatti proposti – con un originale selezione dei drink – è intrigante. Una delle ragioni per le quali amo Milano, è che si possono trovare luoghi come Spica, allegro ristorante internazionale di cui vi parlo in questo post!

Dove e perché

Spica si trova a Milano, nel quartiere di Porta Venezia. Aperto dal 2019, è un giovincello e, a ben pensarci, ha diversi tratti in comune con la città. È cosmopolita, dinamico, accogliente. Uno di quei posti per i quali mi capita spesso di sentir dire da amici, che vivono altrove: “di Milano mi manca la possibilità di scegliere tra locali un po’ diversi dal solito”.

Personalmente, il ristorante mi ha conquistata per svariate ragioni: ha un arredamento grazioso e colorato, con due dehors godibilissimi in estate, uno con i tavolini variopinti sul marciapiede di via Melzo e l’altro nel cortile interno (vedi la foto di copertina). Oltre a questo, Spica propone un menù fusion gustoso, con diverse alternative vegetariane e cocktail intriganti; il personale è molto cortese (qualità non scontata, purtroppo) ed infine ha prezzi onesti, perché Milano – sfatando i luoghi comuni – sa anche essere alla portata di tutti.

I cani sono i benvenuti, io ci sono stata con la mia meticcia Pastis (di taglia decisamente grande). È uno di quei posti dove portano la ciotola dell’acqua – davvero gradita con la calura estiva – prima ancora che tu la chieda.

Una sala interna di Spica, a Milano, dove vi consiglio di fare un brunch. © oltreilbalcone
Una sala interna di Spica, a Milano, dove vi consiglio di fare un brunch. © oltreilbalcone

Il progetto

Spica nasce dall’incontro tra due donne. Una è la chef Viviana Varese, originaria di Salerno, che si è già aggiudicata una Stella Michelin in città con il suo Viva, sopra Eataly, in piazza XXV Aprile.

L’altra è la chef Ritu Dalmia, nata a Calcutta. In India vanta ben 7 ristoranti, mentre in Italia è approdata con la scommessa di far conoscere una cucina indiana d’autore, arricchita dalle contaminazioni delle sue esperienze in giro per il mondo.

Il rendez-vous tra le due porta alla creazione di Spica, dove i piatti – che permettono di viaggiare in Paesi lontani – sono abbinati a cocktail d’autore.

Brunch Milano chef Ritu Dalmia del ristorante Spica © oltreilbalcone
Insieme alla chef Ritu Dalmia nel ristorante Spica di Milano. © oltreilbalcone

Un buon brunch a Milano

Spica è un ristorante. Ma anche un cocktail bar. Potete venire qui per pranzo, per cena o per un aperitivo. E ancora: il mio consiglio è di prenotare un brunch, per trascorrere una domenica originale a tavola.

Non aspettatevi un brunch tradizionale, però. Della colazione (BReakfast) – così come la intendiamo in Italia, con brioches e dolcetti vari – non c’è quasi nulla. È molto più ‘lunch’, con tanti piatti salati da assaggiare. Il perché è facile da spiegare: l’idea è di fare un viaggio tra i sapori del mondo e, per i Paesi toccati, la colazione salata la fa da padrone.

Tra i vantaggi del brunch di Spica c’è l’open bar: i drink – da abbinare alle portate – sono illimitati. Fatevi suggerire un cocktail da Andrea, il bartender del locale, che sa il fatto suo. Il mio compagno ed io abbiamo sorseggiato un negroni bianco e una delle proposte della casa, con gin (Tanqueray), acqua tonica, Campari, Cynar e un rametto di rosmarino.

Il negroni bianco e il cocktail della casa, assaggiati da Spica.
Il negroni bianco e il cocktail della casa, assaggiati da Spica. © oltreilbalcone

Il menù del brunch

Il brunch di Spica è un divertente balletto con tante portate internazionali. E se, come me, siete vegetariani, rimarrete soddisfatti perché le opzioni veggie non mancano (ricordatevi comunque di segnalarlo).

Si comincia con una selezione di antipasti: dal mini bao (panino al vapore con cotoletta e maionese; per me nella variante con melanzane fritte) al toast con salmone e avocado; dalle frittelle indiane con verdure (Pakoras) ai dim-sum (bocconcini cotti al vapore, spesso definiti ‘ravioli’, in Cina la parola al singolare definisce una sorta di brunch da fare nel week-end).

I dim-sum di carne e alla barbabietola del ristorante Spica, a Milano. © oltreilbalcone
I dim-sum di carne e alla barbabietola del ristorante Spica, a Milano. © oltreilbalcone

Si prosegue con una portata principale a vostra scelta: io ho optato per la zuppa di cocco speziata con riso e verdure (Khao Suey). In carta trovate anche un risotto del giorno, le tortillas di maiale e l’hamburger di manzo con bacon e avocado. Le porzioni sono generose.

La zuppa di cocco che ho mangiato in occasione del brunch a Milano da Spica. © oltreilbalcone

Ed infine, vi verrà servito un rinfrescante gelato fatto in casa al cocco; più un (buon) caffè. Il brunch, con open bar incluso, costa 25 euro a persona, un prezzo alla portata e corretto, considerando il pasto completo e la qualità delle materie prime.

Voi ci siete mai stati da Spica? Fatemi sapere nei commenti se vi va e se vi capita di andarci, sono curiosa di sapere la vostra opinione!

DRITTE TAKE AWAY

Il ristorante
Spica
Dove
Milano, via Melzo 9 (quartiere Porta Venezia)
Apertura
Dal mercoledì alla domenica (estate 2020).
Da settembre, chiusura solo il lunedì.
Piatti vegetariani
Buona scelta.
Cani ammessi
Sì.

SCOPRI ANCHE…
Una vegetariana da Trippa, trattoria di Milano (leggi l’articolo)
Cena romantica alla Pizzeria Nazionale di Milano (leggi l’articolo)

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: