0 In Piantala!

La rivincita dell’alstroemeria: come coltivarla

Alstroemeria

L’alstroemeria ha un nome tortuoso e una bellezza suggestiva. Spesso chiamata giglio del Perù o degli Incas, per la sua origine sudamericana, dopo esser stata esportata in Europa dal barone Claus Von Alstroemer, è stata a lungo apprezzata solo come fiore da recidere, nei matrimoni o per decorare la casa. In realtà, la pianta è uno splendido esemplare da tenere in balcone o in giardino: la coltivazione in vaso dà grandi soddisfazioni e ultimamente viene proposta così dai vivai e nelle mostre-mercato. Approfittatene per creare nel vostro dehors uno scorcio variopinto dal sapore esotico. Vi suggerisco come coltivarla e mantenerla rigogliosa, raccontandovi anche la sua storia e la simbologia del fiore!

Appunti 

Screziate, tigrate e multicolore: le alstroemerie sfoggiano tonalità intense e brillanti. Non accontentatevi di un mazzolino di fiori, regalatevi (o fatevi regalare) una bella pianta di cui prendervi cura! Originaria del Sud America, ha un aspetto esotico ed intrigante e vanta una fioritura che, da giugno, prosegue per tutta l’estate. Sopporta con classe anche le basse temperature, sino ai -5 gradi, ma se l’inverno è troppo rigido ricordatevi di coprirla con una pacciamatura di foglie, paglia o legno (da applicare sul terreno).

L'alstroemeria sul mio terrazzo di Milano, insieme al mio cane Felakuti.

L’alstroemeria sul mio terrazzo di Milano, insieme al mio cane Felakuti. © oltreilbalcone

Curiosità sull’alstroemeria

Storicamente è legata alla popolazione Inca, dove simboleggiava la vittoria del bene sul male e, per questo, era un fiore molto utilizzato durante le cerimonie festose e nei riti tribali. Nella simbologia odierna rappresenta l’amicizia e la devozione che perdura nel tempo: è bel regalo da fare ad una persona cara.

Descrizione della pianta

Alta sino ad un metro, ha foglie sottili, appuntite e lunghe, di un verde brillante e con fiori simili a gigli. Spazia dal giallo all’arancio e dal rosso al lilla, con puntinature e striature marroni sui petali.

Dritte di giardinaggio

  • Mettetela in una posizione a mezz’ombra.
  • Può sopportare brevi periodi di siccità, ma ricordatevi di innaffiarla regolarmente quando è in fiore e in estate.
  • Aggiungete nel terreno rame, zinco e azoto per farla crescere più rigogliosa.
  • Rinvasatela in autunno, ogni 4 o 5 anni: non troppo spesso.

 

SCOPRI ANCHE…
Gardenia, signori si nasce: virtù e consigli pratici (leggi l’articolo)
Curcuma, intrigante pianta d’appartamento (leggi l’articolo)

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Continuando la navigazione su questo sito autorizzi l'uso di cookies. Maggiori informazioni

I cookies di Oltreilbalcone vengono attivati in modo da permetterti di avere la miglior esperienza possibile su questo sito. Se prosegui a visitare Oltreilbalcone senza cambiare le tue preferenze o cliccando "Accetto" qui sotto, ne autorizzi l'utilizzo.

Chiudi