Browsing Tag

Québec

2 In Canada/ Mondo/ Viaggi

Montréal, indirizzi e quartieri fuori dalle solite mete

Davanti ad un murales del quartiere Plateau, Montréal, dove sul muro è disegnato un coccodrillo.

Fiore on the road: le ortensie lussureggianti del quartiere Upper Westmount, che sovrasta la città.

Eclettica, cosmopolita, spumeggiante: la diversità è ricchezza e Montréal lo dimostra con stile. Tra locali, parchi, street art e quartieri frizzanti, vi suggerisco le mie mete (alternative) preferite in città. E dato che le gioie più grandi meritano di essere condivise, vi rivelo anche l’indirizzo dove ho mangiato il bagel più buono della mia vita! Golosità a parte, Montréal è un affascinante acquario umano: è il secondo centro più popoloso del Canada (il primo è Toronto), nonché il più importante polo economico del Québec. Tra le sue specificità, è una città bilingue: il francese è l’idioma ufficiale, ma l’inglese è frequentemente parlato, perché la comunità anglofona rappresenta una massiccia minoranza. Le sue molteplici sfaccettature la rendono una metropoli intrigante, dove mi trasferirei a vivere volentieri… se non fosse per i suoi inverni così rigidi e lunghi. Ma a tutto c’è rimedio e, così, è stata realizzata una città sotterranea, per permettere ai suoi abitanti di muoversi, anche nei mesi più freddi, senza troppi disagi.

Continue Reading →

4 In Canada/ Giardini, parchi e orti/ Mondo/ Percorsi verdi/ Viaggi

Île d’Orléans, l’orto del Québec

Pianta on the road: l’acero.
Coltivando la terra, si coltiva anche la felicità. Ne ho avuto la conferma nell’Île d’Orléans, a soli 10 minuti di macchina dalla città di Québec: un paradiso bucolico dal forte carattere rurale, con una bassissima connessione wi-fi. Qui il tempo sembra essersi fermato: lasciate in tasca lo smartphone (tanto non va!) ed assaggiate gli squisiti pomodorini gialli che crescono su quest’isola del fiume Saint-Laurent, collegata alla terra ferma da un unico ponte. Una sola strada principale di 60 chilometri gira intorno a questo lembo di terra, tra campi di fragole, orti, vigne, frutteti, fattorie e mulini a vento: percorretela in macchina o in bici, fermandovi nei molteplici économusée che incontrerete lungo il tragitto. Si tratta di piccole imprese private – dal produttore di sidro al coltivatore di mirtilli – aperte al pubblico, dove contadini e artigiani raccontano con passione il proprio mestiere; si possono degustare gratuitamente i prodotti del territorio e acquistare a chilometro zero le specialità locali. E se volete scoprire tutti i segreti dello sciroppo d’acero, visitando una Cabane à Sucre, questa è l’occasione giusta!
Continue Reading →

6 In Canada/ Giardini, parchi e orti/ Mondo/ Percorsi verdi/ Viaggi

Parc de la Mauricie, la casa dell’orso nero | Québec

Pianta on the road: le foreste di abeti che ricoprono il parco.

Il Canada che avevo in testa, nel mio immaginario fatto di corsi d’acqua idilliaci e foreste sconfinate, l’ho trovato qui. Nel Parc de la Mauricie, dove la natura prende il sopravvento e la civiltà umana sembra lontana anni luce. In realtà, siamo a metà strada tra Montréal e Québec (leggi l’articolo dedicato), entrambe le città distano appena una manciata d’ore di macchina. Ma ve ne dimenticherete presto. Tra i pochi tangibili segni dell’uomo, una lingua d’asfalto panoramica di 63 chilometri che attraversa il Parco, tra maestosi abeti, betulle, pioppi, aceri e valli costellate di innumerevoli laghetti. La strada insegue l’ampio corso del fiume Saint-Maurice, che nasce dalle tondeggianti alture dei Laurentides (Monti Laurenziani), una delle più antiche catene montuose al mondo. E tra le molteplici meraviglie della natura che avrete occasione di ammirare da queste parti, preparatevi a fare un incontro molto speciale: l’orso nero, qui, è di casa.
Continue Reading →

7 In Canada/ Mondo/ Viaggi

Québec, la città canadese dal fascino francese

Fiore on the road: il giglio, simbolo del Paese di cui la città è capitale.
Québec è un pittoresco scampolo di Francia in Canada. Mi riferisco alla città, capitale dell’omonima provincia, che inizialmente chiamavo Québec City per differenziarla da quest’ultima: ecco, non fatelo. È la denominazione usata dagli anglofoni e ai locali (a maggioranza francofona) dà parecchio fastidio, perché ci tengono a rivendicare il proprio esprit francese, qui sentito più che altrove. Québec – unica città del Nord America a poter sfoggiare un centro storico cinto da mura, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO – è una deliziosa bomboniera. Oltre alla Città Vecchia, bella da togliere il fiato, e al famoso Château Frontenac, l’albergo più fotografato al mondo, fuori dalla cinta muraria ci sono intriganti quartieri moderni tutti da vivere: meno frequentati dai turisti, vantano una frizzante vita notturna, originali bistrot e progetti artistici che si fondono con il tessuto urbano. Vi porto con me nella capitale del Québec, con un itinerario che va oltre i soliti circuiti turistici. E se la cartina geografica ricorda che siamo in America, preparatevi ad assaporare un Canada dal sapore europeo.
Continue Reading →

4 In Calici erranti/ Canada/ Mondo/ Viaggi

Cantons-de-l’Est: tra vini e cavalli, nel Québec più romantico

Fiore on the road: la pervinca, che dà il nome ad un’azienda vinicola locale.
North Hatley @oltreilbalconeCi sono luoghi che sembrano disegnati. È come se, in alcuni posti, l’uomo si fosse insediato con un tocco più gentile che altrove, raggiungendo una piacevole armonia con la natura circostante. Ne sono un bell’esempio i Cantons-de-l’Est (Eastern Townships, in inglese), pittoresca regione del Québec, a un’ora di macchina da Montréal. Il paesaggio, meno selvaggio che nel resto del Paese, è fatto di colline, distese interminabili di grano, laghetti, fattorie con dehors curatissimi e caselle della posta dipinte a mano. Se amate andare a cavallo, è il posto giusto. Quest’area si è affermata negli ultimi anni anche come zona di produzione vinicola e vale la pena visitare qualche cantina per degustare vini prodotti da uve che superano inverni estremamente rigidi.
Continue Reading →

6 In Canada/ Giardini, parchi e orti/ Mondo/ Percorsi verdi/ Viaggi

Nelle terre selvagge: i fiordi del Saguenay | Québec

Parco del Saguenay @oltreilbalcone

Pianta on the road: le foreste di cedro bianco, albero originario dell’America del Nord-Est. La sua presenza è un ottimo indicatore della natura del suolo ed il suo legno è particolarmente profumato.

Lasciata la città di Québec alle spalle, mi avventuro verso nord-est, nel Canada più selvaggio. Una striscia d’asfalto attraversa il Parc de la Jacques Cartier e l’incontaminata Riserva Faunistica dei Laurentides, che si estende per quasi 8 mila chilometri quadrati. La natura prende il sopravvento: non ci sono case, né distributori di benzina, è un susseguirsi infinito di alberi intervallati da molteplici laghi. Il verde e l’azzurro dominano incontrastati. Lungo la strada fanno capolino dei cartelli gialli che avvisano della possibile presenza di alci lungo il percorso (… e un pochino lo spero!). Dopo 3 ore di macchina raggiungo il fiume Saguenay, dove si trova l’omonimo parco naturale, il Parc National du Fjord du Saguenay. È un incantevole angolo di mondo remoto, composto da fiordi che si inoltrano in uno spettacolare canyon. Le acque scure sono fiancheggiate da rocce imponenti, che in alcuni punti raggiungono i 500 metri d’altezza, permettendo di ammirare scorci panoramici unici. Di una bellezza che toglie il fiato.
Continue Reading →

4 In Canada/ Giardini, parchi e orti/ Mondo/ Percorsi verdi/ Viaggi

Una giornata perfetta a Tadoussac, con le balene | Québec

Fiore on the road: le margherite rosa, che colorano i vialetti delle pittoresche case di Tadoussac.
Tadoussac @oltreilbalconeA volte la fortuna ti bacia. Non capita spesso, ma quando accade è speciale. Ed è talmente sorprendente che non lo realizzi subito, ci vuole un po’ per metabolizzare che tutto è andato esattamente come doveva andare. Anzi, meglio. Con il tempo, prendi consapevolezza del privilegio e ti senti grato. Non c’è nessuno in particolare da ringraziare. Semplicemente è andata dannatamente bene. Punto. Mi è successo recentemente, a Tadoussac. Ho scelto tra le tappe del mio viaggio in Canada questa remota e graziosa cittadina del Québec perché pare sia uno dei luoghi d’elezione per l’avvistamento delle balene. Lo è davvero. Non solo ho potuto ammirare i maestosi giganti del mare, ma l’ho fatto anche da molto, molto vicino. Il mio rendez-vous con la fortuna è avvenuto qui, parecchi chilometri lontano da casa.
Continue Reading →

Continuando la navigazione su questo sito autorizzi l'uso di cookies. Maggiori informazioni

I cookies di Oltreilbalcone vengono attivati in modo da permetterti di avere la miglior esperienza possibile su questo sito. Se prosegui a visitare Oltreilbalcone senza cambiare le tue preferenze o cliccando "Accetto" qui sotto, ne autorizzi l'utilizzo.

Chiudi