Browsing Tag

green

2 In Giardini, parchi e orti/ Mondo/ Percorsi verdi/ Stati Uniti/ Viaggi

Buon 125° compleanno, New York Botanical Garden!

Galeotti furono i giardini botanici. Dopo una visita di quelli di Londra, in occasione della luna di miele di Nathaniel Lord Britton con la sua (neo)moglie Elizabeth Gertrude Knight, i due sposi decisero di riprodurli nella loro New York. I genitori di Nathaniel avevano, in realtà, pensato un futuro diverso per il figlio, tentando di condurlo verso gli studi ecclesiastici, ma la vita va dove deve andare. Lui, sin da bambino, fu attratto dal mondo delle piante, non tardando in età adulta a diventare professore di Botanica alla Columbia University. Ed insieme alla sua dolce metà – biologa esperta di muschi – dopo il viaggio di nozze fondò il Botanical Garden di New York, che quest’anno compie 125 anni ed è un’occasione in più per visitare la Grande Mela.
Continue Reading →

0 In Piantala!

Iris, l’oro blu: dai profumi al gin

Iris © oltreilbalcone

È uno dei fiori più preziosi per i Nasi, quelle persone che per professione creano i profumi, dando vita – nelle opere più riuscite – a vere e proprie esperienze olfattive. Avete presente quelle inebrianti note di cipria? È tutto merito dell’iris, che vanta oltre 200 specie differenti, ma sono solo tre ad entrare nei bouquet ed essere utilizzate in profumeria: l’iris germanica, con fiori lilla e melanzana; l’iris fiorentina, dalla tonalità bianco latte e l’iris pallida (la mia preferita!), chiamata anche l’ “oro blu di Firenze”, per la sua felice collocazione geografica nell’assolato clima toscano.
Continue Reading →

0 In Piantala!

Ortensia, una storia d’amore

Ortensia

Se un giorno avrò una figlia, mi piacerebbe chiamarla così. La bellezza dell’ortensia è senza tempo. Per la sua eleganza vivace, l’aristocratica disinvoltura e quel sapore un po’ sognante, dato dal suo aspetto: nuvole di fiori che colorano con garbo balconi e giardini con alcune delle sfumature che più amo, azzurro, rosa e viola. Il suo nome è legato ad una storia d’amore.
Continue Reading →

1 In Inverno

Lettera a Babbo Natale

Natale @oltreilbalconeCaro Babbo Natale, torno a scriverti dopo diversi anni di silenzio. In questo periodo, sei rimasto nei miei pensieri e non ho mai dimenticato di lasciare i pan di stelle per le tue renne, il 24 dicembre. Ma in effetti, non mi facevo viva da un po’. Rimedio ora. Di desideri ne ho sempre tanti, come quando ero piccina. Con il tempo, ho sviluppato una nuova passione, il giardinaggio. Ho scoperto che dalle piante si può imparare molto.
Continue Reading →

2 In Piantala!

Melograno nano, rouge oblige


img_0968
L’autunno sa rivelare piacevoli sorprese. Una di queste è il melograno (nano). Regalatomi in primavera dalla mamma di una cara amica, a quei tempi si presentava come una piantina mignon, alta poco più di un fungo, dotata di malinconici ramoscelli spogli. “Non darle troppo conto, bagnala ogni tanto senza esagerare ed abbi pazienza. Quando sarà il momento, ti stupirà.” chiosò la signora, prima di salutarmi. Bizzarro avere tra le mani una pianta che, proprio nella stagione in cui tanti esemplari si risvegliano e sbocciano in un tripudio di colori, è allo stato brullo. Ho sempre apprezzato gli outsider. L’inatteso può trovarsi dietro l’angolo. Come quando arrivi a notte tarda in una destinazione in cui non sei mai stato e l’oscurità confonde la percezione del paesaggio circostante, ti rendi conto di dove ti trovi davvero solo l’indomani, riscoprendo quello stesso luogo con una nuova luce.
Continue Reading →

7 In Asia/ Giardini, parchi e orti/ Mondo/ Percorsi verdi/ Thailandia/ Viaggi

La Bangkok più verde: dal Mercato dei Fiori al Parco Lumpini

mercato dei fiori di Bangkok. © oltreilbalcone

Fiore on the road: le margherite bianche del Mercato dei Fiori di Bangkok, semplici e raffinate.

Bangkok è una città multiforme. Convulsa, seducente, caotica e conturbante. Profuma di lemon grass e regala sorrisi ad ogni angolo. Difficile rimanerne indifferenti. La capitale della Thailandia racchiude molteplici sfaccettature: dai templi scintillanti agli hotel lussuosi che svettano verso il cielo, disegnando uno skyline all’altezza di una moderna metropoli; dai mercati colorati alle strade congestionate, dove i tuk tuk sfrecciano impavidi, facendosi largo nel traffico con fantasia. E come spesso accade, il mio primo sguardo è volto a cogliere l’anima green (si, c’è!) della città. Bangkok non smette mai di stupire e regala scampoli verdi, che meritano di essere scoperti e vissuti: quella che segue è la mia top 3 delle mete Verdi!
Continue Reading →

5 In Festival/ Percorsi verdi

FloraFirenze, il capoluogo toscano è in fiore

Flora Firenze 2015
Non chiamatela fiera. FloraFirenze, mostra spettacolo dalle grandi dimensioni, mi ha permesso di tornare nel capoluogo toscano per una rassegna dedicata a floravivaismo, land art, cultura del paesaggio e flower design, visitabile sino all’11 maggio all’interno del bel Parco Le Cascine, nei pressi dell’ex ippodromo fiorentino. Alternando aree coperte a spazi en plein air, un percorso di 5 chilometri articolato su 120.000 metri quadrati permette di passeggiare tra installazioni green, giardini ed ambienti naturali ricreati grazie alle eccellenze italiane che coltivano fiori e piante in vivaio.
Continue Reading →

3 In Eventi/ My Milano

Top 10 dal Fuori Salone e sindrome (post) Design Week

La settimana del Salone del Mobile ubriaca. Appena passata (è terminata la scorsa domenica, 19 aprile, suscitando in me un sentimento bipolare di tristezza e sollievo), posso confessare la mia sindrome. In occasione della settimana del design (che difficilmente mi mi perdo – leggi l’articolo sull’esperienza 2014)Milano è costellata di eventi, presentazioni, happening, aperitivi, mostre, rendez-vous, anteprime. Accadono cose. Ovunque. Colori, profumi, forme, spazi vengono ripensati, trasformati, stravolti, ricreati. Lo chiamano Fuori Salone e raggruppa tutto ciò che succede in città durante la blasonata Design Week. Io la amo, lo confesso. Perdutamente. Ed è vero che il traffico diventa infernale, ma non sopporto quelli che si lamentano sempre. Perché, di contro, la città acquista un respiro internazionale e, sapendo cercare, si trovano spunti ed idee intriganti. Nei giorni del Fuori Salone sono iperattiva. Desiderosa di fare, ammirare, andare, scoprire. Non posso stare ferma. Sviluppo una leggera ansia: ho troppo intorno a me e temo sempre di non riuscire a vedere tutto quello che vorrei. Mi muovo come una cavalletta, bramo il dono dell’ubiquità. Quando tutto finisce, mi sgonfio come un soufflé. Rallento i ritmi. Vivo qualche giorno di down, come se avessi corso una maratona (o bevuto 5 martini cocktail la sera precedente). Il divano diventa il mio migliore amico. Mi permetto – lavoro a parte – di non fare niente, prendendomi il mio tempo. E assaporando – ancora, questa volta con deliziosa tranquillità, senza fretta – le suggestioni della Design Week. Ecco la mia personale Top 10, orientata al verde:
Continue Reading →

1 In Piantala!

Tulipano, elogio della brevità

 Una delle ragioni per cui amo i fiori è che sono effimeri. La bellezza fugace ha un sapore speciale: bisogna essere abili nel goderne quando è il momento. Senza affliggersi perché non durerà, ma con quel pizzico di malinconia che impreziosisce l’istante. Che poi, il “per sempre” – o “per molto tempo” – è spesso sopravvalutato. L’abitudine può portare a non vedere più ciò che si ha sotto gli occhi quotidianamente, vanificandone la persistenza. I fiori hanno quella semplicità geniale del qui e ora. L’astuzia della concisione. E il tulipano è la quintessenza di tutto ciò.
Un’amica ritrovata mi ha regalato tre bulbi per il mio compleanno, a settembre. Con dedizione, ad ottobre, ho preso tre vasetti blu cobalto dove li ho messi a dimora. Quest’inverno, sbirciavo dalla finestra ammirando la loro resistenza al freddo pungente. Ma, in fondo, erano protetti, sotto la terra. A gennaio tre puntine verdi spuntavano timide. Il mio cane mi guardava perplesso quando aprendo la finestra del balcone, a marzo, sussultavo d’eccitazione nell’ammirare la rapida crescita degli steli. E, ad aprile (finalmente!), il fiore di tulipano,
in tutta la sua eleganza. Per pochi giorni, poco più di una settimana. Poi, ha perso i petali con la rapidità con cui il mare polverizza un castello di sabbia.

Continue Reading →

Continuando la navigazione su questo sito autorizzi l'uso di cookies. Maggiori informazioni

I cookies di Oltreilbalcone vengono attivati in modo da permetterti di avere la miglior esperienza possibile su questo sito. Se prosegui a visitare Oltreilbalcone senza cambiare le tue preferenze o cliccando "Accetto" qui sotto, ne autorizzi l'utilizzo.

Chiudi