4 In Francia/ Giardini, parchi e orti/ Percorsi verdi/ Viaggi

Dune du Pilat e Arcachon: le discese ardite e le risalite

Pianta on the road: i pini, capaci di raggiungere i 30 metri d’altezza, che si estendono a est della Dune du Pilat, formando un oceano verde.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/755/55937166/files/2015/01/img_5254.jpg
Il primo gennaio del 2015 mi sveglio senza fretta, in un letto caldo e avvolgente, nella splendida casa prenotata con Airbnb in place Puy Paulin, a Bordeaux (leggi l’articolo dedicato). È una soleggiata giornata d’inverno, l’ideale per fare una gita fuori città.

Dopo un’ora di strada, stretti come sardine nella nostra macchina a noleggio – che con tenacia accoglie 8 persone a dispetto dei 7 posti indicati (ma un amico in più non può che essere il benvenuto) – approdiamo al cospetto della maestosa Dune du Pilat. Questa colossale duna di sabbia si estende dalla foce del Bassin d’Arcachon verso sud per quasi 3 chilometri ed è alta circa 120 metri. Con sorpresa scopro che, anche in inverno, sono molteplici i visitatori che giungono sin qui per ammirarla e raggiungerne la vetta (dopo il Mont Saint-Michel, è il sito naturale più visitato di Francia).

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/755/55937166/files/2015/01/img_5248.jpg

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/755/55937166/files/2015/01/img_5247.jpg
La ripida salita è un bell’esercizio atletico, ma aperto a tutti: bambini, cani, signori attempati e coppiette con champagne che festeggiano il debutto dell’anno. In cima, la natura offre uno spettacolo suggestivo: da un lato si scorgono fitte pinete verde intenso, voltando lo sguardo c’è l’Oceano. La tentazione è irresistibile: corsa sfrenata, in discesa, sulla sabbia per raggiungere il mare. Mi stupisco sempre pensando come alcune azioni possano essere così semplici e al tempo stesso così divertenti. Ovviamente dopo aver disceso la duna verso il mare, tocca risalirla (nuova fatica!), per poi scendere nuovamente (nuovo spasso!).
Questo luogo ha un sapore speciale: è ricco di prospettive e sa regalare scampoli di serenità. La brezza marina; il clima mite; i miei amici accanto; la sabbia che fa sprofondare ma impedisce di cadere, proteggendomi; la bellezza che letteralmente ci circonda e cambia volto… É un bel modo di iniziare l’anno.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/755/55937166/files/2015/01/img_5269.jpg

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/755/55937166/files/2015/01/img_5249.jpg
Dopo aver inutilmente provato a togliere la sabbia (che sembra rigenerarsi) dalle scarpe, facciamo una piacevole passeggiata per Arcachon, raffinata stazione balneare, bon ton e romantica. Sul lungomare spiccano le ville eleganti, la ruota panoramica e l’elegante molo bianco latte che si avventura per diversi metri sull’ampia spiaggia – a tratti ricoperta dalla brina – prima di raggiungere l’acqua. Il cielo inizia a colorarsi di rosa, come se dovesse intonarsi a questa cittadina, dove non mi stupirei di trovare Barby e Ken in vacanza.

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/755/55937166/files/2015/01/img_5277.jpg

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/755/55937166/files/2015/01/img_5275.jpg
Prima di tornare a Bordeaux, ci dirigiamo a Gujan-Mestras, pittoresco paesino di pescatori che vanta 7 porti ed è riconosciuto come la capitale delle ostriche del bacino di Arcachon. La tappa è d’obbligo e la fortuna è dalla nostra parte: troviamo un ostricoltore (medaglia d’argento) da cui riusciamo ad acquistare 3 dozzine di ostriche (numero 2, a soli 24 euro) e 3 limoni.
La felicità è a un passo. Non resta che tornare in place Puy Paulin e stappare una buona bottiglia di muscadet e una di cava (in questi casi, avere un amico capace di aprire con garbo e perfezione le ostriche è una vera risorsa).

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/755/55937166/files/2015/01/img_5283.jpg

DRITTE TAKE AWAY
Cosa vedere nella zona
§ 
Bordeaux (leggi l’articolo)
§ 
La strada dei vini di Bordeaux: Saint-Émillion e Médoc (leggi l’articolo)

You Might Also Like

4 Comments

  • Reply
    Bordeaux tutta d’un sorso | oltreilbalcone
    gennaio 17, 2015 at 2:07 am

    […] ← Dune du Pilat e Arcachon: le discese ardite e le risalite gennaio 13, 2015 · 6:12 pm ↓ Salta ai commenti […]

  • Reply
    turisti a BDX: CORINNA 29.12.14 > 05.01.15 | chez moi à bordeaux
    marzo 28, 2015 at 5:03 pm

    […] Dune du Pilat e Arcachon: le discese ardite e le risalite (vai al post) […]

  • Reply
    Bordeaux tutta d’un sorso | oltreilbalcone
    novembre 6, 2015 at 4:52 pm

    […] ← Dune du Pilat e Arcachon: le discese ardite e le risalite Parco del Queyras, emozioni ad alta quota → by admin | gennaio 13, 2015 · 6:12 pm ↓ Jump to Comments […]

  • Reply
    Una giornata perfetta a Tadoussac, con le balene | Québec | oltreilbalcone
    dicembre 30, 2016 at 12:49 am

    […] le dune di sabbia, a 7 chilometri dal centro abitato (se avete avuto occasione di ammirare la Dune du Pilat, vicino a Bordeaux – leggi l’articolo-, considerate che le ‘cugine’ canadesi sono meno suggestive). In realtà si tratta di […]

  • Leave a Reply

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

    Continuando la navigazione su questo sito autorizzi l'uso di cookies. Maggiori informazioni

    I cookies di Oltreilbalcone vengono attivati in modo da permetterti di avere la miglior esperienza possibile su questo sito. Se prosegui a visitare Oltreilbalcone senza cambiare le tue preferenze o cliccando "Accetto" qui sotto, ne autorizzi l'utilizzo.

    Chiudi