Oregon

Pianta on the road: le viti di Pinot Noir (il successo nella coltura sta nel far maturare l’uva velocemente per anticipare l’arrivo delle piogge invernali)

20130827-222346.jpg
Noleggiamo una Chevrolet e, dopo aver disposto i bagagli come nella miglior partita di tetris, imbocchiamo l’highway 101 e passiamo il confine con l’Oregon. Selvaggio, aspro, incontaminato. Il cielo sembra più vicino, qui. È come se, alzando la mano, potessi afferrare le nuvole.

Ci fermiamo nell’entroterra, nella Willamette Valley. Prende il via una giornata dedicata alla degustazione del Pinot Nero. In una cantina ci fanno accomodare in un dehor curato, tra margherite giallo limone, ortensie e narcisi.

20130827-231913.jpg
Il viaggio prosegue. E finalmente ci ricongiungiamo con l’Oceano, che avevamo salutato a Seattle con la promessa di rivederci presto. Da Newport, dove faccio conoscenza con i mugulanti leoni marini, arriviamo sino a Port Orford. Coste scoscese, fiori selvatici, immense distese di spiagge deserte e la potenza del Pacifico. Nessun turista all’orizzonte. La strada costiera e’ avvincente ed è tutta per noi.

20130827-232323.jpg

20130827-232510.jpg
Ci fermiamo in un motel senza pretese ma grazioso, con stanze ampie e pulite. Vista generosa sull’Oceano. Da queste parti si mangia presto, alle 20 i ristoranti chiudono. Ci affrettiamo ad entrare nell’unico rimasto aperto, tre donne suonano dal vivo.
Una cenetta vista mare, mentre le onde continuano ad infrangersi senza tregua. Ed è ora di ripartire. Domani ci aspetta la California.

20130827-232810.jpg

20130827-232853.jpg
DRITTE TAKE AWAY

→ Tappa successiva: Nord California

3 Comments

Filed under Estate, USA, Viaggi, Vino

3 Responses to Oregon

  1. Pingback: Nord California | oltreilbalcone

  2. Pingback: Seattle | oltreilbalcone

  3. Pingback: Nord California | oltreilbalcone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *